Home Page » Documentazione » Notizie » Ordinanza del Sindaco: divieto di conferimento dei rifiuti nel territorio comunale da parte di chi non e' soggetto passivo della tariffa di igiene ambientale nel Comune di Avezzano nonche' per il deposito/abbondono dei rifiuti fuori cassonetto

Notizie

Ordinanza del Sindaco: divieto di conferimento dei rifiuti nel territorio comunale da parte di chi non e' soggetto passivo della tariffa di igiene ambientale nel Comune di Avezzano nonche' per il deposito/abbondono dei rifiuti fuori cassonetto

Logo Comune
ven 15 ott, 2010

Ordinanza n° 409/Reg.       Prot. n° 0036480/10

DIVIETO DI CONFERIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE DA PARTE DI CHI NON E’ SOGGETTO PASSIVO DELLA TARIFFA DI IGIENE AMBIENTALE NEL COMUNE DI AVEZZANO NONCHE’ PER IL DEPOSITO/ABBONDONO DEI RIFIUTI FUORI CASSONETTO

I L S I N D A C O

PREMESSO che, a partire dall’inizio del 2010, è stato accertato un anomalo incremento della quantità di rifiuti indifferenziati prodotti nel Comune di Avezzano, pari a circa il 7 per cento, dovuta presumibilmente al conferimento nei contenitori di rifiuti provenienti da altri comuni, in cui viene utilizzato il sistema di raccolta c.d. “porta a porta”, non essendosi registrati aumenti della popolazione che giustifichino tali incrementi;

VISTO l'art. 238 D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152, rubricato “tariffa per la gestione dei rifiuti urbani”, ai sensi del quale “chiunque possegga o detenga a qualsiasi titolo locali, o aree scoperte ad uso privato o pubblico non costituenti accessorio o pertinenza dei locali medesimi, a qualsiasi titolo adibiti, esistenti nel territorio comunale, che producano rifiuti urbani, è tenuto al pagamento di una tariffa. La tariffa costituisce il corrispettivo per lo svolgimento del servizio di raccolta, recupero e smaltimento sei rifiuti solidi urbani ...” (co. 1).

CONSIDERATO che il conferimento dei rifiuti da parte di cittadini da altri Comuni che non siano soggetti passivi della tariffa di igiene ambientale comporta, quale naturale conseguenza, un indebito aggravio della tariffa di igiene ambientale per i soggetti passivi della stessa, in ragione dell'aumento dei costi di conferimento del materiale indifferenziato in discarica;

VISTO l'art. 8 del Regolamento comunale per la gestione della tariffa dei rifiuti urbani, ai sensi del quale è soggetto passivo della tariffa chi, persona fisica o giuridica, a qualsiasi titolo occupa o conduce locali e/o aree” nel territorio comunale di Avezzano,

CONSIDERATO, altresì, che il conferimento dei rifiuti provenienti da altri comuni avviene principalmente nei contenitori posti nelle aree di confine del territorio comunale, la qual cosa comporta anche problemi di ordine igienico-sanitario, per la non sostenibilità dei contenitori per l'abnorme quantitativo di rifiuti conferito, che spesso viene depositato/abbandonato anche al di fuori dei contenitori stessi;

RILEVATE altresì, continue situazioni di rifiuti di vario genere, anche ingombranti, depositati e/o abbandonati al di fuori dei contenitori preposti, anche da parte di cittadini residenti;

CONSIDERATO che simili comportamenti non sono affatto tollerabili tenuto conto che sul territorio comunale sono presenti molteplici contenitori oltre per i rifiuti indifferenziati anche per i rifiuti differenziati per il vetro, la carta e cartone, la plastica, le pile esauste ed i farmaci scaduti. Inoltre il Comune di Avezzano effettua il Servizio di raccolta rifiuti ingombranti in forma gratuita previo appuntamento, ed il Servizio, affidato ad ACIAM Spa, di raccolta di imballaggi in carta/cartone e vetro da utenze commerciali in forma gratuita;

CONSIDERATO, infine, che il mancato corretto conferimento di cui ai punti precedenti comporta un aggravio del servizio distogliendo risorse umane e materiali dal regolare svolgimento del servizio di igiene urbana oltre all’insorgere di problemi igienico-sanitario e di decoro pubblico nonché il mancato raggiungimento delle percentuali di raccolta differenziata imposte dalla normativa vigente;

RITENUTO, pertanto, di dover vietare il conferimento dei rifiuti che provengono da altri Comuni nei contenitori del territorio comunale di Avezzano da parte di coloro e che non sono soggetti passivi della tariffa di igiene ambientale e, pertanto, non concorrono al sostenimento dei costi propri del servizio comunale;

RITENUTO, inoltre, di dover vietare il deposito e/o abbandono dei rifiuti fuori cassonetto da parte di tutti;

VISTO il Regolamento comunale per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati;

VISTA la Delibera di Giunta Comunale n° 266 del 14.10.2010 con la quale sono state fissate, secondo l’articolo 16 comma 2 della Legge 689 del 24.11.1981, le seguenti sanzioni minime per l’inosservanza ai divieti di cui alla presente ordinanza sindacale per le modalità di conferimento dei rifiuti urbani:

  • di € 200,00 per coloro che conferiscono i rifiuti nel territorio del Comune di Avezzano non essendo soggetti passivi della tariffa di igiene ambientale;
  • di € 100,00 per coloro che depositano e/o abbandonano i rifiuti di qualsiasi natura al di fuori dei cassonetti;

In caso di infrazioni che riguardano entrambi i divieti, le sanzioni vengono cumulate;

VISTO l'art. 50 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, in tema di competenze del Sindaco;

ORDINA

1) E' vietato. il conferimento dei rifiuti che provengono da altri Comuni nei contenitori del territorio comunale di Avezzano da parte di coloro che non sono soggetti passivi della tariffa di igiene ambientale e, pertanto, non concorrono al sostenimento dei costi propri del servizio di igiene urbana;

2) E’ vietato, altresì, depositare e/o abbandonare i rifiuti di qualsiasi natura al di fuori dei cassonetti;

3) La inosservanza del divieto di cui ai comma 1 e 2 comporta l'applicazione, ai sensi della Delibera di Giunta Comunale n° 266 del 14.10.2010, delle seguenti sanzioni minime per inosservanza ai divieti di cui alla presente ordinanza sindacale per le modalità di conferimento dei rifiuti urbani:

  • di € 200,00 per coloro che conferiscono i rifiuti nel territorio del Comune di Avezzano non essendo soggetti passivi della tariffa di igiene ambientale;
  • di € 100,00 per coloro che depositano e/o abbandonano i rifiuti di qualsiasi natura al di fuori dei cassonetti;

In caso di infrazioni che riguardano entrambi i divieti, le sanzioni vengono cumulate;

4) Sono fatte salve tutte le modalità di conferimento per le attività produttive previste nei contratti e convenzioni stipulati con il gestore del Servizio di igiene urbana;

5) Ai sensi dell’art. 3, co. 4 L. 7.08.1990, n. 241 si comunica che avverso il presente provvedimento può essere proposto ricorso al T.A.R. Abruzzo oppure, in alternativa, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, rispettivamente entro 60 e 120 giorni dalla data di pubblicazione;

6) Il presente provvedimento è affisso all’Albo pretorio del Comune di Avezzano per quindici giorni consecutivi, viene pubblicato sul sito internet del Comune e ne verrà data comunicazione a mezzo stampa.

7) Il presente provvedimento entra in vigore allo scadere del termine di pubblicazione all'Albo pretorio del Comune.

Il presente provvedimento è notificato a:
Polizia Municipale – Sede;
Questura di L’Aquila - Commissariato Polizia di Stato di Avezzano;
Carabinieri Comando Compagnia di Avezzano,
Corpo Forestale dello Stato Stazione di Avezzano;
Polizia Provinciale sede di Avezzano,
Prefettura – di L’Aquila;

AVEZZANO, lì 14/10/2010

Il Sindaco
Dott. Antonio FLORIS

Condividi

Eventi correlati

Questo sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici Ok Informativa completa