Home Page » Documentazione » Eventi in agenda » Eventi del giorno » conferenza sull'uso e la gestione dei Beni Comuni

Eventi del giorno

conferenza sull'uso e la gestione dei Beni Comuni

libero
12-04-2019 - Sala Irti (Ex Montessori)

Oggi, alle 18.30, alla sala Montessori in via Fontana, il Dott. Ugo Mattei, professore di Diritto internazionale e comparato dell'Università della California e di Diritto civile all'Università di Torino e presidente del Comitato Rodotà, terrà una conferenza sull’uso e la gestione dei Beni Comuni.

 

L’incontro, organizzato da Libera Marsica e dal Comitato Rodotà, ha lo scopo di riportare all’attenzione del pubblico un tema sempre più urgente che la logica del mercato tende invece ad esautorare declassando i Beni Comuni, come l’acqua, l’aria, la cultura, la salute ecc. a merci su cui lucrare.

 

Essendo essi, invece, funzionali all’esercizio di diritti fondamentali dei cittadini e al libero sviluppo della loro personalità, devono essere salvaguardati sottraendoli alla logica distruttiva del breve periodo, proiettando la loro tutela nel mondo più lontano, abitato dalle generazioni future. Il relatore presenterà anche l’iniziativa della raccolta firme per la legge di iniziativa popolare sui beni pubblici e comuni lanciata dal Comitato Rodotà.

 

«Occorre creare un filo rosso», afferma Mattei, «tra le tante esperienze territoriali e i grandi temi come la scuola, il lavoro, la sanità e i servizi pubblici, l'ambiente, tutte animate e mosse dalla consapevolezza che i diritti fondamentali vengono prima del mercato; che il saccheggio, la vendita dei beni pubblici, dei beni comuni, dei beni collettivi rappresenta il tradimento della nostra Costituzione; che vendere, privatizzare i beni pubblici, i beni comuni, i beni sociali significa decretare la fine della democrazia sociale».

 

«C’è da stabilire» – scriveva Stefano Rodotà nel 2012, «un nuovo rapporto tra mondo delle persone e mondo dei beni, da tempo sostanzialmente affidato alla logica del mercato, dunque alla mediazione della proprietà, pubblica o privata che fosse».

La cittadinanza è invitata a partecipare.

 

Condividi
Questo sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici Ok Informativa completa