Home Page » Documentazione » Notizie » Avviso di condizioni meteorologiche avverse del 21 Ottobre 2018

Notizie

Avviso di condizioni meteorologiche avverse del 21 Ottobre 2018

ProtCivAZ
dom 21 ott, 2018

Il Centro Funzionale d’Abruzzo comunica che  che è stato emesso dal Dipartimento della Protezione Civile Nazionale l'Avviso di condizioni meteorologiche avverse N.° 18128 PROT. PRE/00459803 del 21/10/2018 recante:
“ DAL POMERIGGIO-SERA DI OGGI, DOMENICA 21 OTTOBRE 2018, E PER LE SUCCESSIVE 24-36 ORE, SI PREVEDONO VENTI FORTI O DI BURRASCA NORD-ORIENTALI, CON LOCALI RAFFICHE DI BURRASCA FORTE, SU EMILIA-ROMAGNA ORIENTALE, MARCHE ED ABRUZZO, IN ESTENSIONE, DALLA TARDA SERATA, A MOLISE, PUGLIA SETTENTRIONALE, TOSCANA, UMBRIA E LAZIO, SPECIE SETTORI SETTENTRIONALI. MAREGGIATE LUNGO LE COSTE ESPOSTE.
DALLA SERATA DI OGGI, DOMENICA 21 OTTOBRE 2018, E PER LE SUCCESSIVE 24-36 ORE, SI PREVEDONO PRECIPITAZIONI DIFFUSE, ANCHE A CARATTERE DI ROVESCIO O TEMPORALE, SU ABRUZZO, MOLISE, CAMPANIA E PUGLIA SETTENTRIONALE, IN ESTENSIONE DALLE PRIME ORE DI DOMANI, LUNEDÌ 22 OTTOBRE 2018, A BASILICATA, RESTO DELLA PUGLIA, CALABRIA E SICILIA, SPECIE SETTORI SETTENTRIONALI.
I FENOMENI SARANNO ACCOMPAGNATI DA ROVESCI DI FORTE INTENSITÀ, FREQUENTE ATTIVITÀ ELETTRICA E FORTI RAFFICHE DI VENTO. 
[Omissis]"



Al fine di garantire la salvaguardia della popolazione e la riduzione di possibili disagi, si raccomanda alle Amministrazioni comunali, tra l’altro, di:

- attuare servizi di monitoraggio su aree esposte a rischio di allagamenti e/o a fenomeni gravitativi, anche attraverso il presidio territoriale e a mettere in atto le azioni previste dal Piano di Emergenza Comunale, con particolare riferimento all'informazione della popolazione potenzialmente a rischio;

- mettere in atto le attività necessarie alla mitigazione del rischio (ad es. controllo dei sottopassi soggetti ad allagamento, verifica della pulizia delle caditoie);

- prestare particolare attenzione a sottopassaggi pedonali e veicolari nonché ad altro manufatto tendente a rapido allagamento;

- assicurarsi della tempestività di intervento degli addetti in quanto potrebbero verificarsi blackout elettrici e telefonici anche prolungati;

- verificare la disponibilità del proprio personale;

- assicurarsi di aver provveduto alla manutenzione di alberature;

- verificare possibili situazioni di criticità note (instabilità di pali, massi..);

- verificare la fattibilità di eventi all’aperto programmati;

- nelle zone di montagna, qualora presenti, verificare adeguate misure di sicurezza degli impianti di risalita;

- verificare le strutture provvisorie (tensostrutture, ponteggi,..) di propria competenza;

- mantenersi costantemente aggiornati consultando il sito http://allarmeteo.regione.abruzzo.it;

- dare ampia diffusione alla cittadinanza delle norme di autoprotezione riportate sul sitohttp://http://allarmeteo.regione.abruzzo.it.

 

 

 

Come comportarsi

MISURE DI AUTOPROTEZIONE IN CASO DI PIOGGIA

All'aperto:

Per lo svolgimento di attività nelle vicinanze di un corso d’acqua (anche un semplice pic-nic) o per scegliere l'area per un campeggio:
• scegli una zona a debita distanza dal letto del torrente e adeguatamente rialzata rispetto al livello del torrente stesso, oltre che sufficientemente distante da pendii ripidi o poco stabili: intensi scrosci di pioggia potrebbero attivare improvvisi movimenti del terreno.

In ambiente urbano:
Le criticità più tipiche sono legate all’incapacità della rete fognaria di smaltire quantità d’acqua considerevoli che cadono al suolo in tempi ristretti con conseguenti repentini allagamenti di strade. Per questo:
• fai attenzione al passaggio in sottovia e sottopassi, c’è il rischio di trovarsi con il veicolo semi-sommerso o sommerso dall’acqua;
• evita di recarti o soffermarti anche gli ambienti come scantinati, piani bassi, garage, sono a forte rischio allagamento durante intensi scrosci di pioggia.
E in particolare se sei alla guida:
• anche in assenza di allagamenti, l’asfalto reso improvvisamente viscido dalla pioggia rappresenta un insidioso pericolo per chi si trova alla guida di automezzi o motoveicoli, riducendo tanto la tenuta di strada quanto l’efficienza dell’impianto frenante;
• limita la velocità o effettua una sosta, in attesa che la fase più intensa, che difficilmente dura più di mezz’ora, del temporale si attenui. È sufficiente pazientare brevemente in un’area di sosta. Durante la fase più intensa di un rovescio risulta infatti fortemente ridotta la visibilità.

Condividi
Questo sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici Ok Informativa completa